Tag

, , , , , , , , ,

ognimaledettonatale

Gli studi dimostrano che sin dalle più antiche epoche storiche, gli uomini non sapevano se sarebbero sopravvissuti al grande inverno. Per tale motivo, capitava spesso che si lasciassero andare a festeggiamenti sfrenati con l’intenzione di vivere al meglio i loro ultimi giorni e di scacciare la paura dell’ignoto. Pare che questi festeggiamenti fossero gli antenati del nostro Natale.
I dieci giorni che precedono la Vigilia di Natale sono fra i più frenetici e convulsi di tutto l’anno e scommetto che tutti, almeno una volta nella vita, si son chiesti se sarebbero sopravvissuti a tale frenesia.
Pur amando moltissimo il Natale, io me lo chiedo tutti gli anni.
Corri di qua, scappa di là, compra questo, chiama quello, brinda con l’uno, festeggia con l’altro e in men che non si dica ti ritrovi in un frullatore.
Massimo e Giulia sono gli ingredienti principali del frullato natalizio messo in tavola nel film Ogni maledetto Natale.
Lei, giovane e brillante architetto, è la prima cosa che Massimo vede dopo aver ricevuto, letteralmente, una botta in testa.
Lui, affascinante trentenne con qualche problema col Natale, si occupa di microcredito.
Questo è ciò che sanno l’uno dell’altra quando Giulia invita Massimo a trascorrere la Vigilia di Natale dai suoi.
Dapprima reticente, Massimo si lascia convincere ed è così che si ritrova a trascorrere il 24 dicembre a Cucuia, cittadina del viterbese, con la famiglia Colardo al completo.
Fra cappelletti in brodo, caccia al cinghiale e una grappa stupefacente, il ragazzo vivrà la più surreale notte di Natale della sua vita.
L’indomani teatro delle vicende è la casa di Massimo. Erede della ricca famiglia Marinelli Lops, gli tocca trascorrere il Natale con la sua enorme, altolocata ma non meno surreale famiglia…e senza Giulia. Almeno così parrebbe.
I creatori di Boris offrono a tutti gli spettatori una bella fetta di anti-cinepanettone.
Sebbene la trama mi sia parsa un po’ slegata, e mi abbia maggiormente convinto la seconda parte del film più della prima, Ogni maledetto Natale merita una serata al cinema. Anche per il suo cast di tutto rispetto, che avrete il piacere di vedere in un doppio ruolo.
E mi ha convinto anche l’esordiente, in veste di attore, Alessandro Cattelan, che ha mostrato inaspettata credibilità e naturalezza.
Se poi siete amanti di Boris, allora è decisamente il vostro film di Natale.

Eccovene un assaggio…