Tag

, , , , , , , ,

Marzo.
Un mese che non mi è mai piaciuto molto e che a tratti mi è stato anche particolarmente antipatico.
L’unica cosa che ho sempre amato di marzo era –ed è- il profumo delle fresie di mia nonna, che sbocciavano rigogliose sul suo balcone ad inizio del mese. Erano loro ad indicare l’arrivo della primavera.

fresie

le fresie di Nonna Peppa sono sbocciate anche quest’anno, immancabili.

La piccola Viola, nata ai primi di marzo del 2012, mi ha fatto far pace con questo mese.
Lei ha riscattato un gennaio e un febbraio che si erano portati via Franco e Tina, due persone troppo importanti, proprio mentre io e MrF facevamo grandi progetti…
Viola è nata in un venerdì pieno di sole e ha scongelato, come la primavera fa con le piante, anche me.
Non c’è storia: la morte si combatte solo con la vita.
E niente, meglio dei fiori, annuncia la primavera.

303505_4703031017717_204654119_n

i piedini di Viola, quattro anni fa.

Così ho fatto pace con marzo, che non è solo il mese pazzo dell’assai noto proverbio.
Per me è proprio la rinascita.

A marzo io M’ARZO!

Anche se proprio a marzo, con l’arrivo della primavera, assumo un aspetto particolarmente sonnacchioso, in realtà sono sempre in gran fermento interiore.
Il mio #IOinteriore, che ho sempre immaginato come un animaletto piccolo piccolo, buffo e pasticcione, si mette in piedi di scatto e comincia a fare, fare, fare…pensare, pensare, pensare…volere, volere, volere…

L’unico problema è che a marzo io HO SONNO.
Un sonno degno dei migliori ghiri.
Un sonno che mi fa andare in giro sbadigliando come una che non dorme da secoli.
Io che per natura dormo poco, a marzo faccio fatica a svegliarmi.

12788099_10208842791415353_590868628_n

mi riduco praticamente così…

Per fortuna con la mia sveglia, un bel caffè ristretto, e un po’ di attività fisica all’aperto metto in pace il pigro ghiro esteriore con l’iperattivo #IOinteriore.

E visto che il mio oroscopo dice che sarà un marzo faticoso ma ricco di successi, non ho più scuse.
Io M’ARZO!