Tag

, , , , , , ,

Novembre non si smentisce mai ed ecco che il primo weekend del mese preannuncia pioggia.
Però non lamentiamoci, che fino ad oggi abbiamo avuto uno degli autunni più dolci degli ultimi anni.
Se vi saltano i piani, e la pioggia battente vi costringe a casa, non disperatevi.
Coinvolgendo qualche amico, si può inaugurare ufficialmente la stagione dei giochi da tavolo oppure organizzare una maratona dei film o delle serie tv che più si amano.
Per un solitario e pigrissimo weekend, di quelli da plaid e tisana bollente a guardare la pioggia cadere, ho io quello che fa per voi.

Qualche settimana fa, in una domenica di pioggia che ha fatto saltare tutti i miei piani, mi sono consolata con un libro bellissimo di cui non posso fare a meno di parlarvi.

Me l’ha consigliato Emanuela, libraia de La Librotéca che un anno fa ha aperto a due passi da casa mia, facendomi scoprire non solo un bravissimo autore, ma anche uno stile letterario che incontra perfettamente i miei gusti.

#LeNostreAnimeDiNotte di Kent Haruf è un vero gioiellino, un libro imperdibile e, a mio parere, la migliore lettura che io abbia fatto in questo 2017…e sapete che leggo davvero tanto!


 

Addie e Louis abitano ad Holt, nel Colorado.
Sono entrambi vedovi e vivono da soli. Hanno giornate routinarie e sempre troppo uguali, piene di una solitudine che si ripalesa quando le quotidiane incombenze sono assolte o di notte, nelle lunghe notti che sembrano non passare mai.
Addie e Louis sono vicini di casa. Si conoscono ma non sono propriamente amici.
Nonostante ciò, una mattina Louis trova Addie dinanzi la sua porta.
La donna gli fa una richiesta davvero inaspettata e sicuramente insolita: vuoi passare le notti da me?
Louis, sebbene un po’ reticente, accetta…

Il romanzo è il poetico racconto dell’incontro di due anime, che fanno di una temibile e solitaria notte lo scenario perfetto per le loro narrazioni.
Sarà di notte che Addie e Louis si conosceranno meglio, ma è nella diurna quotidianità che si manifesterà il loro profondo legame e tutti ad Holt non faranno fatica ad accorgersene.
Come reagirà alla cosa la piccola cittadina?
Dove porterà il viaggio di queste due anime?

Con una narrazione priva di fronzoli ma non di bellezza, Kent Haruf ci catapulta ad Holt, facendo sì che il lettore si trovi da subito in medias res della narrazione.
Addie e Lois ci aprono le porte non solo della loro camera da letto, ma anche delle loro vite così comuni…capaci però di compiere scelte così speciali.

E se siete, come me, affascinati dall’atmosfera rarefatta di Holt, continuate a tornare nell’immaginaria cittadina di Haruf anche attraverso la sua Trilogia della Pianura.

Qualcuno di voi l’ha letto?
Vi è piaciuto?
Lasciatemi un commento e fatemi sapere.

Buona lettura, Marghe.

 

Annunci