Mi sono riempita gli occhi di montagne.
Io che vengo dal mare – e che al mare torno sempre- sono scesa dalla stazione e mi sono ritrovata davanti il meraviglioso spettacolo delle Alpi, che circondano la città.
Da rimanerci senza fiato…

IMG_20180104_142948

Io e Flavio abbiamo inaugurato il 2018 con un viaggio.
Tutto deciso in meno di mezz’ora, come spesso ci accade ultimamente quando viaggiamo.

Il #Christkindlmarkt a Bolzano era un mio particolare desiderio da qualche anno e siamo partiti proprio nell’anno in cui non avevo pensato di andarci…il caso!
Quest’anno il Mercatino di Natale è giunto alla 27esima edizione ed è il primo dell’Alto Adige insieme a quello della vicina Bressanone.

Piazza Walther è il centro della manifestazione e sembra davvero di entrare in un mondo fatato.
Mi hanno colpito prima di tutto i lampioni: ciascuno di essi (ed erano davvero tanti) era decorato con una enorme corona d’Avvento.

E poi l’odore di spezie e di speck affumicato, il rosso e il verde delle decorazioni più tradizionali, le mille luci calde che illuminavano i tanti alberi di Natale presenti in piazza e la musica, perfetta colonna sonora per una calda atmosfera natalizia.

Nella piazza principale di Bolzano, 80 casette in legno ospitano altrettanti espositori.
Una disposizione ordinata e precisa permette di poterli visitare tutti con calma anche nei giorni di maggiore folla, come è stato lo scorso 6 gennaio, ultimo giorno del Mercatino di quest’anno.
L’artigianato locale la fa da padrone: in piazza possono esporre e vendere solo artigiani che producono a Bolzano i loro manufatti e che usano materie prime locali.
Fra tutte, primeggiano i tessuti dalle tipiche fantasie tirolesi, le candele naturali e le decorazioni in legno di cirmolo, molto usato nell’artigianato artistico e nel design altoatesino.

IMG_20180104_170237

Quest’anno tre postazioni consentivano anche di gustare lo street food tipico.
Speck e formaggi di montagna, bretzel vuoti o farciti, patate al cartoccio, krapfen in vari gusti, il famosissimo apfelstrudel e fiumi di vin brulè accontentavano i palati dei visitatori.

 

E per riscaldarvi a sera, dopo una giornata a passeggio in città, non saprei consigliarvi altro che un buon piatto di canederli. Li ho mangiati allo speck, agli spinaci e al formaggio e li ho trovati deliziosi al punto tale da voler provare a rifarli.

 

La visita di Bolzano centro città richiederà una mezza giornata, pertanto vi consiglio di dedicarvi anche ai dintorni.
Poco lontano dalla stazione dei treni, c’è la funivia (biglietto A/R 10 euro a persona) che in circa un quarto d’ora vi porta ad Oberbozen (Soprabolzano), un piccolo centro situato nella parte alta di Bolzano da cui partono moltissimi sentieri per il trekking.
Anche se non siete attrezzati per una passeggiata montana o, semplicemente, non ne avete voglia, andateci lo stesso per un giro nella piccolissima città che sembra uscita da un racconto e per godervi la vista dalla funivia: vi sembrerà di salire fra le nuvole.

 

Da Oberbozen parte un treno storico (biglietto A/R 6 euro a persona) che vi porta al piccolissimo centro di Collalbo. Troverete uno scenario cittadino molto simile a quello di Oberbozen, ma il paesaggio montano (e innevato, se ci andate in inverno) che vedrete durante il viaggio in treno sarà davvero spettacolare.

IMG_20180105_121656

Ho scoperto che lo sviluppo iniziale di Bolzano è stato favorito dalla presenza di numerose comunità monastiche che hanno occupato il territorio cittadino e dato letteralmente vita alla città, pertanto ci sono molte chiese da visitare.
Se restate in città per un paio di giorni, non perdetevi il Duomo di Bolzano e la Chiesa di San Domenico a -letteralmente- pochi passi da piazza Walther: due diverse espressioni dello stile romanico.

Bolzano soddisferà anche le esigenze degli shopping addicted con una vastissima scelta di negozi e brand.
Se desiderate acquistare moda tipica, vi consiglio di indirizzare la vostra scelta sui cappelli altoatesini con i quali potete rendere originale ed elegante anche il vostro consueto look metropolitano.

Il Loacker Store, infine, può essere il luogo ideale per una pausa golosa in città.
Accomodatevi nella zona bar e ordinate una delle molte proposte del menù, lasciandovi coccolare da uno dei gentilissimi camerieri che ci lavorano.
Potrebbe capitarvi di essere coinvolti in una gustosissima indagine di mercato nella quale vi si chiede di dare un parere sul ‘dolcino del mese’, come è capitato a me.

Bolzano9

 

Di seguito vi lascio un po’ di link utili per un vostro futuro soggiorno in città e se siete social, su Instagram trovate altre foto del mio viaggio all’hashtag #BozenMarghe.

Residence Fink: a pochi minuti a piedi da piazza Walther, camere essenziali, pulite ed accoglienti
Il cavallino bianco: osteria tipica dall’arredo montano e dai prezzi modici. Consigliatissimi i canederli al formaggio e lo stinco di maiale con patate.
Birreria Bierstuben: il legno chiaro e i tessuti verde bosco riscaldano l’ambiente. Assaggiate i loro delicatissimi canederli agli spinaci e il loro gulash accompagnato da canederli allo speck. Se siete appassionati di birre artigianali, scegliete una delle loro birre Forst.

Buon 2018 a tutti,
Marghe.

Annunci